Eventi  -  Redazione  -  Numeri arretrati  -  Edizioni SDP  -  e-book  -  Indice generale  -  Letture pubbliche  -  Blog  -  Link  

  Indice   -[ Editoriale | Letteratura | Musica | Arti visive | Lingue | Tempi moderni | Redazionali ]-


Narrativa

Questa rubrica Ŕ aperta a chiunque voglia inviare testi in prosa inediti, purchÚ rispettino i pi¨ elementari principi morali e di decenza...
Ominidi di Giuseppe C. Budetta, La libertÓ di Aisha di Tiziano Consani, Lo zio Ted di Emanuele Locatelli, Il tempo smarrito: memorie di un'ottuagenaria di Salvina Pizzuoli, L'Ascensione a Colle di Dunia Sardi

Poesia italiana

Questa rubrica Ŕ aperta a chiunque voglia inviare testi poetici inediti, purchÚ rispettino i pi¨ elementari principi morali e di decenza...
poesie di Giuseppe Bonaccorso, Tiziano Consani, Rossana D'Angelo, Monica Fantaci, Alessandra Ferrari, Emanuela Ferrari, Emanuele Locatelli, Iuri Lombardi, Paola Moreali, Antonio Nesci, Laura Pagura, Michele Parigino, Ivan Pozzoni, Lorenzo Spurio

Poesia in lingua

Questa rubrica Ŕ aperta a chiunque voglia inviare testi poetici inediti, purchÚ rispettino i pi¨ elementari principi morali e di decenza...
poesie di Massimo Acciai, Manuela LÚa Orita

Recensioni

In questo numero:
- "La nevicata e altri racconti" di Massimo Acciai, recensione di Monica Fantaci
- "Sempre ad est" di Massimo Acciai, recensioni di Liliana Ugolini e Monica Fantaci
- "Un fiorentino a Sappada" di Massimo Acciai, nota di Sandra Carresi
- "La metafora del giardino in letteratura" di Lorenzo Spurio e Massimo Acciai, recensione di Anna Maria Balzano
- "La cucina arancione" di Lorenzo Spurio
- "Flyte & Tallis: Ritorno a Brideshead ed Espiazione, una analisi ravvicinata di due grandi romanzi della letteratura inglese" di Lorenzo Spurio, recensione di Emanuela Ferrari
- "GrecitÓ marginale e suggestioni etico/giuridiche: i Presocratici." di Ivan Pozzoni
- "La Poesia di Vasco Rossi. Una interpretazione" di Antonio Malerba, nota di Massimo Acciai
- "Infezione" di Sunshine Faggio, nota di Massimo Acciai
- "Carillon ballerina and the brave tin soldier" di Caterina Pomini, nota di Massimo Acciai
- "Amore latitante" di Fiorella Carcereri, nota di Massimo Acciai
- "Concerto" di Roberto Mosi
- "Non ci sono foto ma qualcosa Ŕ rimasto" di Matilde Vittoria Laricchia
- "Vibrazioni cromatiche: dalla favola alla realtÓ" di Anna Maria Folchini Stabile e Annamaria Stroppiana Calzini
- "Fortuna, il buco delle vite" di Jolanda Buccella, recensione di Isabella da Pozzuoli
- "Gloria" di Tiziano Cosani, nota di Massimo Acciai
- ''L'abisso Ŕ alle porte'' di Beda, recensione di Novella Torregiani
- "Alle fonti del Clitumno" di Ulrich von Wilamowitz-Moellendorff, recensione di Emanuela Ferrari
- "Interni" di Annalisa Soddu
- "Imago" di Antonella Troisi
- "Io sono soltanto un granello di sabbia" di Anna Scarpetta
- "Raccolta di aforismi" di Emilio Rega, prefazione a cura di Lorenzo Spurio
- "Ian McEwan: sesso e perverzione" dI Lorenzo Spurio

Interviste

Stefano Carlo Vecoli
a cura di Massimo Acciai
Intervista a un poeta impressionista: Cristiano Poletti
a cura di Alessandro Rizzo

Ëmine de su sÚculu XXII
 

Massimo Acciai
Traduzione in sardo nuorese di Maria Grazia Cabras
 

Si mai un ˇmine de su sÚculu XXII
at a dare unu zudÝssiu supra 'e mene
at a nÓrrere chi fippo unu bÓrbaru e unu primitivu
býviu in tempos bÓrbaros e primitivos.

Zertu no at a cumprendere
a fundu sas parÓgulas meas
- si l'ant a arribare, in carchi manera -
e at a zudicare abbengada sa mente mea.


S'ˇmine de su sÚculu XXII
at a mirare orizontes mannos meda;
at a abbrazzare s'universu,
at a essere belle iscarrÝu.
At a tŔnnere in punzu su focu de un'istella,
at a biazare chin sa lestresa de su pessamentu,
at a Óere bintu puru su crancu
e at a Óere allonghiÓu sa bida sua de milli e mill'annos.
Sas tzellulas suas no ant a Óere secretos.


S'ˇmine de su tempus benidore
no at a cumprendere sos bolos de su coro meu
finzas si ant a simizare a sos suos:
at a nÓrrere chi fippo unu bÓrbaru e unu primitivu
býviu in tempos bÓrbaros e primitivos.


Firenze, 23 nibosu de s'annu CCXXI (12 de zannarju 2013)


Uomo del XXII secolo


Se mai un uomo del XXII secolo
darÓ un giudizio su di me
dirÓ che ero un barbaro e un primitivo
vissuto in tempi barbari e primitivi.

Non comprenderÓ certo
fino in fondo le mie parole
- se gli arriveranno, in qualche modo -
e giudicherÓ ottusa la mia mente.

L'uomo del XXII secolo
guarderÓ orizzonti ben pi¨ vasti;
abbraccerÓ il cosmo,
sarÓ quasi disincarnato.
TerrÓ in un pugno l'energia di una stella,
viaggerÓ alla velocitÓ del pensiero,
avrÓ sconfitto anche il cancro
e avrÓ prolungato la sua vita di millenni.
Le sue cellule non avranno segreti.

L'uomo del futuro
non capirÓ i moti del mio cuore
anche se saranno simili ai suoi:
dirÓ che ero un barbaro e un primitivo
vissuto in tempi barbari e primitivi.


Firenze, 23 nevoso dell'anno CCXXI (12 gennaio 2013)

 
Segreti di Pulcinella - © Tutti i diritti riservati
 
Contatore visite dal 6 giugno 2011