Eventi  -  Redazione  -  Numeri arretrati  -  Edizioni SDP  -  Indice generale  -  Letture pubbliche  -  Blog  -  Link  

  Indice   -[ Editoriale | Letteratura | Musica | Arti visive | Lingue | Tempi moderni | Redazionali ]-


Le lingue

Il tema non era certo facilissimo, eppure sono arrivate cose di qualit anche stavolta. Il tema "lingue" stato inteso talvolta come "linguaggio", talvolta come "idioma"; talvolta il tema riguardava il contenuto, altre volte la forma, comunque sia crediamo che non ci siano stati dei fuori tema...
di Massimo Acciai

Progetto Emmaus

Il romanzo thriller di Marco Bazzato, autore de Il Campo del Vasaio (Mt. 27,7), ordinabile tramite Segreti di Pulcinella...
la redazione

Stampare libri all'estero

Stampare un libro in Italia sia per le piccole case editrici, sia per gli scrittori in erba che desiderano vedere pubblicata una loro opera ha spesso un costo insostenibile...
di Marco Bazzato

Le lingue
 

di Massimo Acciai


Il tema non era certo facilissimo, eppure sono arrivate cose di qualit anche stavolta (il giudizio per come sempre ai nostri lettori). Il tema "lingue" stato inteso talvolta come "linguaggio", talvolta come "idioma"; talvolta il tema riguardava il contenuto, altre volte la forma, comunque sia crediamo che non ci siano stati dei fuori tema. Non molti i racconti, ma era prevedibile; la qualit a mio giudizio compensa tuttavia la quantit. Naturalmente riapparsa la sezione di "poesia in lingua", scomparsa nel precedente numero per mancanza di contributi, e come non poteva? Non lingue particolarmente strane o esotiche, ma non era questo lo scopo.
La novit forse pi importante di questo numero riguarda per una nuova rubrica, che inaugura la collaborazione col musicista siciliano Paolo Filippi; "Caff letterario musicale" infatti unisce due linguaggi - quello poetico e quello musicale appunto - in un "abbraccio" che non mancher di riservare piacevoli sorprese e spunti interessanti.
Ritornando al tema "linguistico", mi piace riportare qui un articoletto, apparso sul numero 6, dal titolo di Perch un fiorentino vle 'mpar 'r Pisano, steso con l'aiuto prezioso e doveroso del nostro condirettore Francesco Felici. Lo riporto per due motivi: il primo riguarda l'argomento linguistico di cui si occupa l'articolo stesso, il secondo riguarda un curioso esperimento di traduzione in fiorentino fatta da "I'bbrindellone" (contraddicendo simpaticamente quanto andavo affermando all'epoca sull'impossibilit di scrivere nel mio dialetto materno) e in dialetto nolano, a cura di Antonio Piccolo.
Ecco il testo in pisano:

Dimorta gente di foravia della Toscana 'rede 'he 'r "Toscano" sii tutt'eguale, e 'un distingue presempio 'nfra 'r Pisano, 'l Livornese, 'r Fiorentino, ll' Aretino, 'r Senese, eccetera (dircorzo apparte va fatto pelle parlate di Massa e Carrara, 'he 'un c'entran nulla 'on quell'artre parlate toscane). M' risuccesso a vorte d'arriman sempato alle gente (e anco di falle ride) 'or mi' accento toscano vand'ero 'ndell'artre regione; ma, com'ha sempre detto 'r mi' amo Francesco 'r Felici, le parlate delle citt toscane glienno vere e propie lingue, no dialetti, e 'un c' 'na "lingua toscana" una; anco 'r Pisano e 'l Livornese glienno 'n diverze 'ose differente l'una dall'artra. 'R ganzo gli che pere 'mpar 'r Pisano c'enno ' libbri di grammatia e ' voabolari, cose serie, 'nzomma, fatte bene ('r Guidi, 'r Malagoli, anco se questo v gli der 1937); e come faceva allora a 'un interessammi la lingua della Torre, a me che ci sempre avuto 'r pallino pelle lingue (anco se purtroppo no come 'r mi' amo pisano)? Deh certo, mi sarebbe garbato anco 'mpar 'r fiorentino. Come - mi si poterebbe d - ma 'un siei fiorentino??! 'Un la tu' lingua materna??! S e no. Parl 'n vernaolo 'un parl "ammodino" neanco 'ndella mi' citt (e gli limitato alle 'ommedie 'n vernaolo 'nde' teatri delle parrocchie e 'ndelle feste d'estate), vindi ci 'ndell'orecchi s l'accento fiorentino 'on tutte le su' aspirate, e anco varche parola tipa 'he 'un 'ntesa da quelli di foravia, ma alle fatte fine 'un facile divide le du' 'ose, ll'Italiano e 'r Fiorentino. Pi meglio gli divide ll'italiano dar Pisano, armeno per me che 'un son di Pisa, cos mi provo a scrive 'na lingua nova e mi diverto abbestia!

Il testo tradotto in fiorentino:

Dimorta gente di forivia, crede 'he i' ttoscano sii tutt'eguale, e 'un distingue presempio fra i' ppisano, i' lliornese, 'i ffiorentino, l' Aretino, i' ssenese, eccetera (discorzo apparte va fatto pelle parlate di Massa e Carrara, che 'un c'entran nulla 'on quell'artre parlate toscane). M' risuccesso a vorte d'arriman semptiho alle gente, (e anche di falle ridere), coimm accento toscano quand'ero nell'artre regione; ma, com'ha sempre detto i' mi' amiho Francesco i' fFelici, le parlathe delle citt toscane glienno vere e propie lingue, no dialetti, e 'un c' 'na "lingua thoscana" uniha; anch'i' ppisano e i'llivornese glienno 'n diverze 'ose differenti l'una dall'artra. I' gganzo gli che per 'mpar i' ppisano e c'enno libri di grammatiha e vohabolari, cose serie 'nzomma, fatte bene (i' gGuidi, i' mMalagoli, anco se questo gli di' nnovecentotrentasette); e come faceva allora a 'un interessammi la lingua della Torre, amm che ci sempre 'uto i' pallino pelle lingue (anco se purtroppo no come i' mi' amiho pisano)? Di certo, e mi sarebbe garbato anch'impar'i' ffiorentino! Come - mi si potrebbe d - ma 'un tu sei fiorentino??! 'Un la tu' lingua matherna??! S e no. Parlar in vernaholo 'un parlar'ammodino neanco 'nella mi' citt (e gli limitato alle hommedie 'n vernaolo ne' teatri delle parrocchie e 'nelle feste d'estate), quindi ci negl'orecchi s l'accento fiorentino 'on tutte le su' aspirathe, e anche quarche parola tipiha 'he 'un 'ntesa da quelli di fora, ma alle fatte fine 'unn facile dividere le du' hose, l'Italiano e i' ffiorentino. Gli meglio dividere l'italiano dai' ppisano, armeno per me che 'un son di Pisa, cos mi provo a scrivere 'na lingua nova e mi diverto abbestia!

In dialetto di Nola:

Assai gent' furastera se crere cc o' tuscan 'renn 'a tutte 'e part' tale 'e quale, 'e nu' sape 'asempio cc fr o' pisan', o' 'llivurnese, o' ffiurentin', 'arretin, o' senes', e cumpagnia bbell'(n discors for' man' val' pp chell'a ggent 'e Mass 'e Carrar' cc nun c' 'azzeccano nient c lengua tuscan). Tanti vote m'assucciss 'e rest' sfezius' 'a 'ata ggent'( e' pure add f schiatt dd risa) pp miezz e' ll'accient tuscan quann 'er dinto all'ate reggion', ma cumm' ma' semp ritt' o' cumpagn' mie Francesc' r Felici, cc 'e dialett 'e tutte 'e citt dd toscan songhe ver' 'e proprie lengue, nunziamai nu' dialett, 'e nun' c' st na' sola "lengua tuscan'", pure o' pisan, o' 'llivurnese s assai diverze tra llor'. 'e io cc amma' mbar o' pisan, c libbr 'e calapin' mmana,cos' serie, 'nzomma, fatt'e 'bbuon (ch Guidi, ch Malagul' pure s chist' enn dd millenuvicient' trentasett'), comme nun me putev' 'mpurt dd lengua dd Torr', a me cca' mann' semp' piaciut' 'e lengua (pure cc nun songhe comm' o' cumpagniell' mo pisan')? mm avess' aggarbat' 'e m 'mpar o' ffiurentin. "Comm' - me putiss' dicere- ma tu nun s 'ffiurentin' ?! nun' 'a lengua dd paese tuoie?!! si e nn! 'a parll in "vernacolo" nun se pport' cchi manco dinto 'a citt mia ( gi se parla sule dinto 'e cummedie in "vernacolo", dinto 'e triat' dd parrucchie e mmiezz' 'e fest dd stagion') tengo dinto e' 'rrecchie s l'accient ffiurentin' cc tutte 'e soje spirate, e pure quacche parol' cc 'e furastier' nu' mm 'ponn' 'ntnnere, m 'a finale n se' ponno spartere 'e doje cos', o' talian dd fiurentin. E' assaie meglio add spartere o' talian dd pisan', ammacaro pp mm c nun songhe 'e Pis', accuss me prov' a screvere c n lengua nov' 'e mm'arrecreo assaje!

Ed infine in italiano:

Molte persone non toscane credono che il "toscano" sia tutto uguale e non distingue per esempio tra pisano, livornese, fiorentino, aretino, senese, ecc. (discorso a parte va fatto per le parlate di Massa e Carrare, che non c'entrano nulla con le altre parlate toscane). Mi accaduto a volte di rimanere simpatico alle persone (e anche di farle ridere) con il mio accento toscano quando mi trovavo nelle altre regioni; ma, come ha sempre detto il mio amico Francesco Felici, le parlate delle citt toscane sono vere e proprie lingue, non dialetti, e non c' una "lingua toscana" unica; anche il pisano e il livornese sono diversi tra loro sotto molti aspetti. La cosa interessante che per imparare il pisano esistono libri di grammatica e vocabolari, cose serie insomma, fatte bene (il Guidi, il Malagoli, anche se quest'ultimo risale al 1937) e come potevo allora non interessarmi alla lingua della Torre, io che ho sempre avuto interesse perle lingue (anche se purtroppo non come il mio amico pisano)? S, certo, mi sarebbe piaciuto imparare anche il fiorentino. Come - mi si potrebbe dire - ma non sei fiorentino?! Non la tua lingua materna??! S e no. Parlare in vernacolo non parlare corretto neanche nella mia citt (l'uso limitato alle commedie in vernacolo nei teatri parrocchiali e nelle feste estive), quindi ho s nell'orecchio l'accento fiorentino con tutte le sue aspirate e anche qualche parola tipica che non compresa dai forestieri, ma in fondo non facile separare le due cose, l'italiano e il fiorentino. Pi facile dividere l'italiano dal pisano, almeno per me che non sono di Pisa, cos provo a scrivere una lingua nuova e mi diverto molto.

Con questo testo saluto i lettori e invito gli autori ad inviare il materiale per il prossimo numero, online a marzo 2007 (ultima scadenza: 28 febbraio 2007). Altra novit che riguarda il nuovo anno: non ci sar pi un tema fisso ma occasionalmente pi avanti qualche numero a tema. Per il prossimo, inviate liberamente quello che volete!
Buona lettura!

Segreti di Pulcinella - © Tutti i diritti riservati